Un modello da imitare

150 metri quadrati di terrazzo in pieno centro a Torino. Una fortuna per pochi. ma molti preferiscono riempire lo spazio con piante ornamentali. Gaetano Bruno, fisico elettronico in pensione e con la passione per l’ambiente e per il fai-da-te, ha invece deciso di mettere in pratica un esperimento: creando un ambiente climaticamente isolato, tanto che le escursioni termiche sono sensibilmente contenute; rinunciando all’impiego di prodotti chimici; usando sistemi per depurare l’aria dallo smog della città, ha creato un orto sostenibile.

E su un sistema di 5 terrazze collegate tra di loro sono stati piantati oltre 25 alberi ornamentali, da frutto e rampicanti (viti,
kiwi, peschi, albicocchi, un ciliegio, un prugno, un melo, olivi, un
mandarino, un limone, una palma da datteri, salici bianchi), cespugli e
arbusti da fiore e da frutto (oltre 30 varietà) e piante erbacee da
ortaggio (piselli, patate, zucche, zucchini, fagiolini, pomodori,
peperoni, peperoncini, agli, cipolle, basilico, insalata, rucola,
spinaci, cetrioli, barbabietole rosse, verze e cavoli, prezzemolo,
sedani, carote e fragole) oltre a tantissime piante ornamentali e da fiore (una coltivazione di tante specie è anche consentita da 2-3 turni all’anno).

Un esempio da imitare, anche in scala ridotta….

 

http://www.ecostiera.it/index.php?option=com_content&task=view&id=2087&Itemid=52

This entry was posted in orti in città. Bookmark the permalink.

One Response to Un modello da imitare

  1. Mallo2011 says:

    Ciao,
    questo è un terrazzo davvero meraviglioso: sono unpo’ invidioso perchè non so se riuscirò mai a fare qualcosa di simile. Comunque anch’io ho iniziato il mio Orto sul Balcone.
    Purtroppo io ho solo un terrazzo che guarda a levante quindi prende sole solo al mattino all’incirca fino all’una. Sapete suggerirmi un po’ di ortaggi che posano crescere bene con il sole solo al mattino?
    Ciao
    Mallo2011

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *